Pensieri sparsi: come da titolo rubrica.

Alla fine le ferie forzate sono arrivate. Sono a casa da una settimana ormai, ma riesco a sopportare bene la situazione grazie al libro sulla mindfulzen (di cui ho pubblicato la recensione tre giorni fa), che mi ha insegnato a non prendermela per cose per cui non ne valga la pena, agli esercizi che faccio tutti i giorni tempo permettendo (devo farli in veranda perché la casa dei miei è piccola e lo spazio della mia stanza è quasi del tutto occupato dalla mia batteria) e, last but not least, a mia mamma che prepara con o senza il mio aiuto dolci in quantità (quando non lo fa mi rifornisce di zuccheri comprando cioccolato con le nocciole intere o barattoli di crema alla nocciola). Insomma, ho la situazione sotto controllo… o almeno credo (ma non ditelo alla mia bilancia e al mio nutrizionista!).

Cerco di capire quando potrò fare il mio viaggio in Giappone: avevo programmato primavera 2021, ma dubito che sarà fattibile. Forse l’autunno? Vedremo, attenderò con pazienza e consapevolezza interiore.

Ieri notte, poco prima di addormentarmi, ho avuto un bellissimo pensiero, uno di quelli ispirati che dovresti metter subito per iscritto se non vuoi dimenticarlo. Mi succede spesso di averne poco prima di abbandonarmi al sonno. E come tutte le volte non l’ho scritto, così l’ho dimenticato. E per giunta, nonostante morissi di sonno, ho passato un’oretta a rigirarmi nel letto perché non riuscivo ad addormentarmi. Ogni tanto mi succede.

Pensieri sparsi. Appunto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...