Pensieri sparsi: di meduse, canzoni e canidi.

Non scrivo qui da un po’ di tempo, in parte perché ho avuto parecchio da fare, in parte perché non sapevo da dove cominciare: tra il nuovo lavoro che ha assorbito la maggior parte della mia attenzione, il saggio di musica che si avvicinava e Penny, che ha dovuto subire un intervento chirurgico urgente, le ore si sono riempite di eventi e di impegni, non lasciando spazio a nient’altro.

Ma ora il saggio è andato, anche se non come avrei voluto (purtroppo non ho potuto suonare il mio pezzo perché la band non aveva il cantante, ne ho suonato un altro che non era di un genere a me congeniale, ma l’ho fatto per aiutare altri allievi e sempre per lo stesso motivimo mi sono ritrovata sul palco anche a cantare, cosa mai fatta prima), Penny si è ripresa e il lavoro sta procedendo, per cui posso tirare un sospiro di sollievo, rilassarmi e dedicarmi finalmente all’estate.

Sempre che non mi ustioni un’altra medusa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...