Pensieri sparsi: niente da rimproverare.

Ho fatto il colloquio. Ancora non ho capito se è andato bene o male. Sicuramente è stato spiazzante. Ho compilato dei questionari con domande a cui non era facile rispondere, poi mi sono ritrovata in una stanza dove mi è stato fatto un interrogatorio stile esame universitario sugli strumenti del mio lavoro, al quale è seguita una prova pratica. Infine in un’altra stanza è continuata la conversazione con altre persone.

Per un attimo ho pensato che mi sarebbe venuto il panico, quando mi hanno esaminato nella pratica. Nessuno mi aveva avvertito di come si sarebbe svolta la cosa, mi aspettavo un semplice colloquio conoscitivo su esperienze, competenze e obiettivi.

Alla fine, comunque vada, non ho nulla da rimproverarmi: ho risposto sinceramente, ho affrontato con serenità la situazione e risposto col sorriso al “ti faremo sapere” o “ci faremo sentire” (non ricordo che mi hanno detto di preciso, ma il senso era quello).

Intanto la vita va avanti e domani è un altro giorno. Prima o poi saprò.

2 risposte a "Pensieri sparsi: niente da rimproverare."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...