Epistulae: NY 512.

Caro NY 512,
Avevo voglia di uscire stasera: mangiare fuori e fare un giro tra le bancarelle al porto vecchio, una passeggiata e magari incrociare un NY 512 che non aspettasse neanche un minuto per chiedermi se volevo qualcosa da bere “finché morte non ci separi”.

E invece no. Ultimamente mi capita di dover sempre abbozzare per gente che mi dà buca o che pensa che debba essere sempre io quella che si deve adeguare agli altri. Mai nessuno che si adegui a me. Pertanto stasera, come ogni sera, cena in solitaria e letto, a perdermi tra le lettere delle parole di un libro di astrofisica.

Caro NY 512, forse un giorno ti incontrerò, magari mentre porti a spasso Brinkley da queste parti. E allora non ci saranno buche, non ci saranno adeguamenti. Ci saremo solo noi e Brinkley, tra le cicale di un pomeriggio di mezza estate, a sorriderci perché finalmente ci siamo trovati.

Tua,
Shopgirl

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...