Diari di viaggio: Milano.

Questo weekend sono stata a Milano con un’amica. Motivo principale del viaggio mordi e fuggi la mostra su Harry Potter, ma naturalmente ne abbiamo approfittato per vedere anche altre cose. Era la mia terza volta in questa città: la prima fu otto anni fa, ma vidi ben poco, giusto il duomo (allora si entrava gratis) e la zona circostante. Gustai uno dei fantastici panzerotti di Luini, questo lo ricordo bene. La seconda volta fu l’anno scorso, quando a gennaio andai a vedere la mostra dei pittori giapponesi a palazzo reale. Anche allora ero concentrata in altre occupazioni, per cui della città non vidi nulla. Ma questa volta mi sono rifatta, almeno in parte (motivo questo per farci una puntatina una quarta volta).

Dopo la sveglia alle 5 e l’aereo alle 7, lasciati i bagagli in hotel abbiamo puntato verso il Castello Sforzesco, che ci è piaciuto molto, sia per il complesso architettonico in sé che per i musei al suo interno.

Purtroppo non siamo riuscite a vederli tutti, perché alle due ci attendeva la prenotazione per Harry Potter – The exhibition. Devo dire che non siamo rimaste deluse: abbiamo potuto ammirare gli abiti e gli oggetti di scena, oltre che le riproduzioni a grandezza reale usate nel film di Dobby, Aragog e Fierobecco.

Belli, se così so può dire, e molto inquietanti il dissennatore e la statua della morte con tanto di falce, che troneggiava nella tomba dei Riddle nel cimitero di Harry Potter e il Calice di fuoco. E poi che dire dei costumi di Bellatrix, di Silente, degli abiti di gala del ballo del ceppo, o delle mandragole, della sala delle pozioni con il libro del principe mezzosangue e il costume di Piton!

E ancora le divise di quiddich, il quadro e le foto di Allock, e Fanny, la teca con gli Orcrux… se avete letto i libri e visto i film potete ben capire perché ci siamo fatte fotografare come due ragazzine con tanto di bacchetta in mano e tunica e sciarpa di Hogwarts indosso! Fotografie rigorosamente stampate, anche in formato di manifesto segnaletico! Per non parlare degli acquisti fatti allo shop a fine mostra: un bel portachiavi a forma di boccino d’oro, una penna a forma di bacchetta di silente (quella vera costava un po’ troppo, 40€…) e una tazza con Dobby che dichiara ancora una volta di essere un elfo libero.

Se non si è capito sono tornata adolescente per un paio d’ore!

Dopo la mostra abbiamo deciso di visitare il cimitero monumentale, ma abbiamo dovuto desistere presto per via della pioggia improvvisa. Quindi via in hotel e poi cena in un ristorante giapponese poco lontano, molto carino e dai prezzi non eccessivi.

Ieri abbiamo dedicato la giornata a piazza duomo e dintorni. Ci siamo godute la mostra sugli impressionisti a palazzo reale, per poi entrare nel duomo. Lo ricordavo più buio, a dire il vero. Ma sempre bellissimo.

Dopo aver vagato per i piani della rinascente senza una meta apparente ecco la delusione cocente: Luini era chiuso. Avevo promesso alla mia amica di farle assaggiare i tanto decantati panzerotti, ma la domenica Luini non dà da mangiare. Altro motivo per tornare a Milano ancora una volta.

E così, tra un giro e un pezzo di anguria, abbiamo recuperato i bagagli e ripreso la direzione di casa.

Piccola considerazione: Milano è bella, ma la gente troppo nervosa. Ci credo che poi vengono tutti in vacanza da noi… ma almeno il nervosismo potrebbero lasciarlo a casa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...