Pensieri sparsi: domeniche invernali.

Stamattina sono andata a fare colazione con una coppia di amici e la loro bambina. Poi, siccome era una splendida giornata con temperature tutt’altro che invernali, abbiamo fatto un salto al parco della mia città. Ci siamo fermati a chiacchierare davanti ad un laghetto e abbiamo assistito ad una scena molto carina. Ho fatto la foto perché volevo immortalarla.

tartarughe

Tartarughine che prendono il sole. Tenerissime!
Mi hanno strappato un sorriso, in questi giorni di stress e malessere. Ho avuto dei giorni alquanto brutti questa settimana, il mio fisico un po’ ne ha risentito. Purtroppo devo mettermi in testa che se non sto tranquilla e serena, il mio corpo ne risente e finisco per stare male anche fisicamente.
Vorrei più domeniche come questa e meno settimane come quella appena trascorsa.

Vita da player: pazzoidi alla tastiera

Quando ho ripreso a giocare sui gdr pbc il mio timore più grande era di ritrovarmi davanti dei pazzoidi da tastiera: ovvero, quelle persone che non capiscono la differenza tra il gioco e la realtà ed arrivano a pensare che le due cose coincidano, mettendo in atto dei comportamenti a dir poco fuori luogo, che portano poi inevitabilmente a rovinare il gioco di chi gli sta vicino.
Se si ha la fortuna di incappare in gestori di land seri, questi personaggi hanno vita breve all’interno del gioco.
Ma se i gestori sono persone che non sono interessati al benessere dei propri utenti, ma preferiscono trincerarsi nell’indifferenza o peggio favoriscono proprio questi elementi ignobili, beh, allora le cose sono ben diverse.
Sulla land in cui giocavo sino a ieri pensavo di aver trovato un piccolo angolo di tranquillità, dove divertirmi la sera e sentirmi un po’ meno sola. Mi sbagliavo di grosso.
Proprio il player con cui più avevo legato nel gioco, con cui peraltro giocavo una relazione con in previsione un matrimonio, un evento atteso da circa un mese e che si sarebbe dovuto tenere oggi, ha iniziato a dare di matto.
Praticamente si comportava quasi come se io fossi di sua proprietà, non sopportava che scherzassi con altri, faceva dei ricatti sul gioco se non facevo quello che non voleva lui.
Avevo anche iniziato a giocare su una seconda land e lui è venuto pure lì, quando ancora i rapporti erano normali, ma nel giro di un mese ha rovinato il mio gioco in entrambi i posti. Tra l’altro ha fatto delle cose assurde anche nei confronti della gestione del secondo gioco e più veniva ripreso, più diceva di aver compreso, salvo poi ricomportarsi esattamente allo stesso modo e arrivare a portarmi all’esasperazione.
Motivo per cui la gestione del secondo gioco, che è molto seria, gli ha imposto di non contattarmi più e poi lo ha addirittura allontanato in via definitiva dalla land.
Poiché si è risentito della punizione pre allontanamento, ha pensato bene di rovinare anche il gioco sulla prima land (a casa mia si chiama metagame, ma i gestori di questa land fanno valere i regolamenti solo con chi pare a loro e quando pare a loro). Fatto sta che, a seguito di tale comportamento scorretto ed immaturo e visto che chi doveva sanzionarlo se n’è lavato le mani, ho deciso di smettere di giocare in quella land.
A me le polemiche non piacciono, i sotterfugi per accaparrarsi il favore degli altri player sparlando e facendo la vittima mi fanno venire il voltastomaco.
Piuttosto che fare inutili polemiche preferisco salutare educatamente e andarmene via.
In ogni caso la seconda land, che peraltro apre i battenti al pubblico a fine mese e di cui ho l’onore di essere tra gli amministratori, ha tutto un altro modo di fare. Non smetterò di nuovo di giocare e divertirmi per colpa di un idiota (per giunta un idiota sposato che invece di stare con sua moglie passa le ore di tutte le sante sere della settimana a giocare con altre donne, con cui chiaramente rimane coinvolto sentimentalmente essendo incapace di capire che le cose che si giocano non sono vita vera. Povera moglie…)
Detto questo, evitate le land pbc che hanno come argomento un certo telefilm basato su un certo film con alieni egiziani e terrestri che viaggiano nello spazio attraverso un anello gigante.

Pensieri sparsi: insoddisfatta.

Mi chiedo perché, anche se faccio un bel sogno, se per una notte incontro nel regno di Morfeo qualcuno che mi corteggi, che mi desideri, che mi ami, al risveglio io debba sempre sentire in bicca l’amaro della mia perenne insoddisfazione.
Invece di rilassarmi per il bel sogno, di sorriderne in qualche modo, anche perchè il fidanzato onirico era davvero un bel giovanotto, ecco che una volta aperti gli occhi penso soltanto al fatto che una persona così la posso trovare solo nei sogni.
Quasi quasi dormirei sempre…

Pensieri sparsi: sognare ad occhi aperti.

La settimana scorsa ho saputo dal mio socio che una persona con cui collaboriamo, di cui ho già parlato altre volte cui (gran bell’uomo e per cui ho una cotta che nascondo nel profondo del mio cuore) si è lasciata con la fidanzata.
Quando ho sentito la notizia in segreto ho gioito. “ma si sta frequentando con tizia”, dice il mio socio. E niente. Torno a sprofondare nel mio angolino di donna che passa inosservata.
Ne parlavo ieri con la mia migliore amica. Lei sa che mi piace quest’uomo. quando le ho raccontato la storia mi ha detto “ma tu con lui ti senti?”
“Solo per lavoro… telefonate e messaggi su whatsapp. Mi dice ciao cara, ciao tesoro, quando mi risponde al telefono. Mi manda i bacetti su whatsapp e una volta ance una rosa virtuale.”
Niente di che.
La verità è che non mi vede, se non come professionista del mio settore che collabora con lui. Sono anonima, non sono bella come lui, di certo non potrò mai attirare la sua attenzione per le mie doti fisiche.
Lo guardo da lontano, sospiro, sorrido quando lo incontro e mi da due baci sulle guance, ma niente di più.
Però sognare ad occhi aperti è bello.Immaginare che lui un giorno noti qualcosa di diverso in me, mi scriva per altre cose, mi inviti a bere un caffè… finché morte non ci separi…
Sogna Miharu. Sogna.

Epistulae: Tenshi

Stanotte ti ho sognato.
Non succedeva da tempo, come da un po’ non ti pensavo, almeno non nell’ottica di quanto mi manchi.
Ti ho sognato, dicevo. Mi dicevi che volevi provarci ancora, che quello che era stato in passato non contava, che volevi stare con me. Mi hai baciato, con la stessa passione con cui mi baciavi allora. Ed io mi sentivo così felice, sentivo che la seconda chance che avevo sempre desiderato per noi non era più un’utopia. Ero al settimo cielo, finalmente c’era di nuovo un noi, un futuro, la gioia di creare ciò che non ci era riuscito in passato.
Il mio Angelo era tornato, per rimanere.
Mi sono svegliata…
La tristezza mi ha avvolto con il suo gelido abbraccio.
Lo so che non ci sarà un secondo noi, che non ci sentiremo più, non ci vedremo più. Quando ho potuto parlarti di nuovo, dopo anni, ho capito che non potevo farti tornare nella mia vita. Ho deciso di lasciarti andare perché avrei sofferto troppo se avessi continuato a sentirti. Avevo false speranze e non volevo vivere nel passato sperando in un futuro impossibile per noi.
E sognarti stanotte mi ha acuito quel senso di solitudine che provo senza di te.
Guardo avanti, ma ogni tanto mi volto indietro, anche se non voglio.
In momenti come questi mi dispiace ancora di più non avere trovato una persona che mi facesse dimenticare te.
Non leggerai mai, lo so.
Mi illudo che un giorno potresti, per caso, trovarmi qui, leggere di te e desiderare un noi. Perché tu conosci questo mio nome, conosci questo tuo…
Ma non succederà.

Pensieri sparsi: abbraccio.

Ho voglia di un abbraccio. Non un abbraccio di circostanza.
Voglio uno di quegli abbracci che quando ci sei dentro vorresti sprofondarci per tutta la vita, che ti dà un senso di protezione tale che ti senti invincibile, che ti trasmette amore infinito e non ti fa desiderare altro.
Voglio un abbraccio così.
Chissà se lo avrò mai.

Pensieri sparsi: 2018 di cacca.

Immancabilmente io mi devo ammalare quando meno devo. Successe per il Natale del 2016 ed è successo anche stanotte.
Non vomitavo da anni. Esperienza che sinceramente avrei evitato di ripetere. Aggiungiamo la nausea dalle 4 di stamattina, la dissenteria, i crampi allo stomaco e dulcis in fundo la febbre stasera ed ecco, posso dire di aver iniziato il 2018 veramente in un modo di cacca.
Se il buongiorno si vede dal mattino, non oso pensare come sarà a fine giornata…