Pensieri sparsi: l’indifferenza è una brutta bestia.

Ieri mi è successa una cosa che mi ha scosso parecchio, sia per l’evento in sé, sia per le reazioni delle persone presenti.
Ero sul treno, tornavo nella mia città dopo aver trascorso un piacevole pomeriggio a fare compere (prevalentemente libri) e a far due chiacchiere con una nuova conoscenza.
Mi sono seduta in uno spazio con quattro posti. C’era già un signore, un siciliano (l’ho sentito mentre parlava al telefono); i posti di fronte a me e di fronte a lui erano liberi. Non appena il treno è partito, un ragazzo di colore si è lasciato andare rumorosamente sul sedile di fronte al mio. Che non fosse tanto normale lo ha dato a vedere sin da subito: movimenti sconnessi di gambe e braccia, digrignava fortemente i denti, emetteva strani versi con la bocca. d’un tratto si sporge in avanti e mi afferra la borsa e la busta che tenevo sulle ginocchia. Strattonava per prenderle, con forza.
Io grido “Hey! Hey!”, mentre cerco di trattenere le mie cose, ma quello continua a tirare.
Il tizio siciliano, che assiste alla scena in prima persona, prende e gira la faccia verso il finestrino, facendo finta di niente. Interviene in mio aiuto un altro signore, seduto con la famiglia nei posti vicini, e riesce a liberare le mie cose dalla stretta del tizio.
Quest’ultimo, non contento, continua a muoversi in maniera sconnessa e a digrignare i denti. Il signore che gentilmente mi ha aiutato si alza, insieme alla famiglia, e si sposta. Vorrei farlo anche io, ma resto ferma perché ho paura che, se mi muovo, il tizio di fronte a me faccia qualcosa.
Dopo un paio di minuti decide di alzarsi, con una certa fatica. Io intanto mi faccio piccola piccola e faccio finta di niente, non voglio attirare la sua attenzione. Mentre va via mi tira uno schiaffone fortissimo alla testa, al che esclamo “Ahi!”, perché mi ha fatto davvero male.
Reazione delle persone che vedono la scena:
– tizio siciliano: gira di nuovo la testa verso il finestrino e fa finta di niente;
– ragazza seduta due posti più avanti: ridacchia divertita;
– ragazzo seduto due posti avanti: fa una smorfia che si risolve in un sorriso e ridacchia anche lui;
– resto dello scompartimento: silenzio.
Io sono allibita. Una persona è in difficoltà e nessuno muove un dito. Tutti si fanno i fatti loro, qualcuno se la ride pure. Un’altra volta soltanto mi sono sentita così in difficoltà nella mia vita: ero alle elementari e un compagno di classe aveva minacciato di picchiarmi all’uscita di scuola. Una volta arrivata quell’ora, ricordo che sono scappata, correvo più che potevo, ma lui mi raggiunse, mi bloccò al muro e tirò fuori delle forbici (per fortuna avevano la punta arrotondata), continuando a minacciarmi. Allora fui salvata da un altro compagno, che diede all’aggressore un pugno e lo allontanò. Gli fui davvero grata.
Ieri, a parte il signore che mi ha aiutato in quel piccolo frangente, non c’è stata nessuna reazione di quel tipo. Non pretendevo certo che qualcuno colpisse questo poveraccio, che a parer mio poteva essere sotto l’effetto di una qualche sostanza stupefacente, o forse avere solo qualche problema psichiatrico. Però che almeno si prendessero le mie difese.
Ci sono rimasta malissimo e mi sono sentita davvero sola. Non vedevo l’ora di scendere dal treno e non so come ho fatto a non mettermi a piangere. Ora capisco perché tante volte, quando succedono certe disgrazie, sembra che nessuno abbia visto nulla.
La gente se ne frega. Fa finta di niente. E chi ha la sfortuna di subire certe cose o si aiuta da solo, o finisce male.
Vorrei solo ringraziare l’unica persona che mi ha dato un po’ di aiuto.
Per tutti gli altri, soprattutto per chi ha trovato la cosa così divertente, ho solo questo complimento: mi fate schifo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...